Blog (55)

Lieti di comunicare che la nostra scritta "Contro la mafia l'amore per la memoria e l'impegno dell'azione " è tornata come nuova. La scorsa settimana, purtroppo, era stato compiuto un atto vandalico a scapito della nostra prima scritta: erano state cancellate con vernice nera sia le parole "contro la mafia" sia il logo dell'Associazione.

 

Read 1795 times

Spot Antiracket

Written by Wednesday, 04 May 2011 00:00

Visualizza il video realizzato dagli studenti della 5a D elettronica dell'istituto archimede di catania.

Read 2124 times

Noi scout di Catania appoggiamo la vostra iniziativa di dire no alla mafia,alle ingiustizie e ai soprusi che,in tutti questi anni,hanno portato del marcio nella nostra amata terra.

 

Read 4249 times

5 per mille

Written by Tuesday, 19 April 2011 00:00

Cari amici e consumatori,come sapete,con la vostra firma a sostegno del consumo critico,avete contribuito a portare avanti il progetto. Adesso vi chiediamo, se volete, di contribuire con un altro piccolo gesto alla concretizzazione delle idee e dei progetti della nostra associazione: anche quest'anno è possibile infatti utilizzare lo strumento del 5x1000.

Read 1832 times

Addiopizzo Catania incontra tanti giovani durante le sue attività, durante i banchetti, a scuola e nelle università. Vi proponiamo una riflessione di Davide, un nostro socio.


In questi quattro anni di attività con Addiopizzo ho osservato tanto i cambiamenti, piccoli, a volte impercettibili nella mentalità delle nuove generazioni, cambiamenti che a volte sono grandi iniezioni di fiducia perché sono la conferma del fatto che non è vero che le cose non cambiano e mai cambieranno.Provate ad immaginare un'assemblea di istituto circa 20 anni fa, penso che pochi ragazzi al mondo avrebbero pensato di organizzarla sull'antimafia, di parlare di mafia , di fare nomi e cognomi di boss senza avere paura, ed invece ora lo fanno, parlano di loro, li sfidano, cercano di cambiare.Anche nei nostri banchetti informativi in giro nelle università e nelle piazze ci siamo spesso imbattuti in ragazzi molto giovani, eppure tanto informati, che seguono i giornali, che si arrabbiano per ciò che gli succede attorno. Al contrario, ed è anche abbastanza normale, abbiamo sempre riscontrato il tipico atteggiamento vittimista e fatalista nelle persone più grandi, quelle di qualche generazione fa.Questo nuovo approccio dei giovani non riguarda solo l'antimafia ma la legalità in generale,il senso civico ed il rapporto con la società.Nel mio lavoro mi capita di sentire i ragazzi parlare di ciò che gli succede a scuola, oppure durante le loro attivtà sportive.L'altro giorno mi hanno raccontato un episodio che mi ha dato il segno di come qualche ragazzo abbia capito qual è la strada da seguire.In una scuola tre ragazzi hanno dato fuoco ad un cestino dell'immondizia di una classe, questo si è propagato alla lavagna rischiando di allargarsi ancora, alcune ragazze che passavano di lì hanno visto tutto e, chiamate dal preside a fare i nomi delle persone che avevano visto, non hanno avuto timore di dire al preside chi fossero. Naturalmente, come succede nella società di tutti i giorni, questi tizi sono andati poi a cercare le ragazze minacciandole per quello che avevano fatto, ma la loro risposta è stata subito pronta: non si sono fatte intimorire ed hanno detto in faccia a chi le minacciava che avrebbero fatto la stessa cosa altre cento volte.Questo è un semplice esempio, non è sicuramente paragonabile alla situazione di chi denuncia una estorsione, che naturalmente comporta rischi maggiori e molto più pesanti, è ovvio, ma come quando si parla di bullismo tra i giovani si dice che sia l'anticamera della delinquenza, allo stesso modo questo tipo di atteggiamento potrebbe benissimo essere un esempio di anticamera della legalità. Ho voluto citare questi esempi positivi nella normale consapevolezza che, a fare da controparte a questa grossa fetta di ragazzi che cambiano, ce ne sono molti che purtroppo nella mentalità mafiosa, nella illegalità ci vivono, e ci vivono a volte anche bene, perché l'illegalità sembra facile, porta soldi e fa avere a 18 anni quello che una persona normalmente non potrebbe mai avere a quella età. Mi fa piacere però sottolineare che le cose stanno comunque cambiando, che molti ragazzi, sensibilizzati da chi gli sta attorno, con un grosso apporto della scuola, portano avanti la cultura della legalità, nonostante i modelli sbagliati e una tv che fa passare continuamente esempi negativi, con le fiction, con i programmi che mostrano personaggi che nell'illegalità vivono che vengono quasi idolatrati e che parlano di giustizia, di esempi e di cosa è giusto o sbagliato. Dobbiamo ammettere che in una società così, il comportamento di questi ragazzi è un segno positivo, che noi dobbiamo appoggiare e sostenere con forza e fiducia, fiducia nel futuro, nei nostri mezzi, nelle nostre parole ed esempi che hanno contribuito a cambiare in meglio la nostra società e che col tempo porteranno a cambiarla in tutti i settori. Io ci credo, è questa la mia speranza e penso sia la speranza di ogni onesto cittadino.

Davide Siracusa

Read 1721 times

Parlando del nostro progetto del Consumo Critico parliamo spesso dei consumatori, del loro impegno, del nostro, e poi ricordiamo a tutti della famosa lista dei commercianti, di quei 50 esercenti (ora un po' di più) che sono il motore della nostra iniziativa.


Dietro ad ogni volto c'è una storia, una storia di coraggio, un coraggio di gente normale, che con la forza delle loro scelte hanno dimostrato a tutti che ribellarsi è possibile.Quando conobbi i primi commercianti, restai stupito dalla loro voglia di cambiare, dalla forza delle loro parole, dalla grinta con la quale guardavano la gente e raccontavano la loro storia, con quel "fresco profumo di libertà" che ora si sono conquistati davvero.Ricordo la rabbia nel racconto delle minacce alla famiglia, ai bambini, minacce che creano terrore, che fanno capire che in pericolo c'è tutto ciò a cui tieni, ma che hanno creato in queste persone uno scatto di orgoglio, che li ha portati a riflettere e a dire " se io pago tolgo soldi ai miei figli, perdo credibilità e la mia dignità", e quindi proprio per liberare la loro famiglia, proprio per far sì che il futuro dei loro figli fosse migliore, hanno scelto di dire no, di dire che loro il pizzo non lo pagheranno più. Si sono affidati alle Istituzioni, ci hanno creduto, e dalle istituzioni sono stati ricompensati, i loro aguzzini sono stati arrestati ed ora possono camminare a testa alta, liberi, senza paura, perché tutti quei codardi che andavano a chiedere loro il pizzo con atteggiamenti da sbruffoni ora sono dietro le sbarre. E se chiedi loro se hanno paura del fatto che magari un giorno se li potrebbero ritrovare davanti, ti rispondono tranquillamente di no, che non torneranno, perché ora sono gli estorsori ad avere paura, perché troveranno di nuovo chi li denuncia e torneranno dietro le sbarre.Durante le ultime riunioni dei commercianti, che periodicamente facciamo, sono rimasto colpito ancora di più dal loro atteggiamento, si aiutano tra loro, si danno consigli e spingono altri ad aderire alla nostra lista. Molte delle ultime richieste di adesione sono nate dal passaparola, commercianti che invitano altri a partecipare, a ribellarsi, e li vedi darsi coraggio, ridere, ed appoggiare e proporre iniziative. Mi hanno dato tanta gioia i loro volti, tanta forza e la consapevolezza che ciò che stiamo facendo è forse più grande di quanto pensavamo, che questa gente ha davvero grazie a noi smesso di nascondersi, di credere che niente può cambiare ed ha cominciato a capire che un cambiamento deve partire da tutti, dalla società civile, che la ribellione, se fatta con forza, è inarrestabile.Li ho visti capire finalmente una volta per tutte che non è normale, non è giusto che una persona debba lavorare 8-10 ore al giorno per poi mantenere con i suoi soldi della gente ignorante e senza futuro, togliendo magari alla loro famiglia pezzi di futuro.Ho visto nei nostri commercianti rabbia, coraggio, forza, speranza, tutto ciò che spero di vedere col tempo in ogni cittadino italiano ed in ogni esercente, perché qualcosa è cambiato, qualcosa cambia ogni giorno, perché la rivoluzione dei commercianti e dei liberi professionisti è cominciata! Noi, cittadini onesti e commercianti liberi, siamo molti più di loro. Davide Siracusa

Read 1618 times

Consumatori per necessità. Critici per scelta

Written by Thursday, 13 January 2011 00:00

Addiopizzo è anche un'associazione antiracket, ma porta avanti un progetto che la rende diversa da tutte le altre associazioni: il Consumo Critico. Angela ci spiega perché.

Read 4261 times

Lezioni di legalità

Written by Wednesday, 22 December 2010 00:00

Nel 2008 l'associazione Addiopizzo ha organizzato una serie di incontri in circa 20 scuole superiori di Catania e provincia con dei risultati che lasciano spazio a varie riflessioni, analizziamole.

Read 4102 times

55 volte Stato

Written by Thursday, 09 December 2010 00:00

La mafia insegue soldi e potere, per questo la sua strada ha sempre incontrato quella degli imprenditori.Sandro riflette sul rapporto tra due associazioni,quella mafiosa e quella degli industriali,che dovrebbero combattersi ma che spesso si intrecciano

Read 2022 times

Regaliamo(ci) un sorriso

Written by Wednesday, 08 December 2010 00:00

Addiopizzo Catania ripropone l'iniziativa "Regaliamo(ci) un sorriso". Raccoglie, cioè, indumenti, giocattoli e materiale didattico per donarli a Natale a centri e associazioni che lavorano con i bambini. Tutti possono contribuire a regalare sorrisi.

Read 1672 times
Page 2 of 4

Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information