Addiopizzo Catania resta senza sede

Written by  Tuesday, 05 May 2009 00:00

Addiopizzo Catania è senza casa. E ne cerca una per continuare a portare avanti la sua coraggiosa battaglia per la legalità. Già, perché i locali che hanno ospitato il movimento nei suoi due anni di vita nella città siciliana non sono più disponibili: Confesercenti, che li aveva finora concessi gratuitamente, li ha richiesti indietro «per motivi organizzativi». Non sarà uno sfratto e non è finita a carte bollate, ma il rapporto tra l'associazione di commercianti, promotrice peraltro dell'iniziativa anti-usura "Sos Impresa", e il comitato anti-mafia, nato a Palermo per combattere il fenomeno dell'estorsione, non si è concluso nel migliore dei modi.

 

L'immobile in questione è quello di viale Vittorio Veneto, sede di Confesercenti, dove Addiopizzo Catania trovò ospitalità nel 2006, su invito dell'Associazione antiracket e antiusura etnea, per le sue riunioni e le altre attività. Fino a qualche settimana fa: «Una sera - raccontano gli stessi ragazzi - abbiamo trovato le porte chiuse con dei lucchetti, senza che nessuno di noi fosse stato avvisato». Alla richiesta di chiarimenti, Confesercenti rispondeva per iscritto che «non è stata mai deliberata ufficialmente dalla scrivente Confederazione nessuna concessione di spazi o aule», revocando quindi «la disponibilità verbale all'utilizzo dei locali» in questione, «per motivi di natura organizzativa». Aggiunge il neopresidente di Confesercenti Catania, Enza Lombardo, eletta poco più di un mese fa: «Dobbiamo lasciare un appartamento, per ragioni economiche, e la stanza che davamo gratuitamente ad Addiopizzo adesso ci occorre. Peraltro, nessuno del comitato si è mai presentato e ci hanno mandato solamente una lettera non firmata». Da parte sua, Addiopizzo, rivolgendosi alla direzione regionale e a quella nazionale di Confesercenti, ha ringraziato l'associazione dell'ospitalità, ma non ha mancato di stigmatizzare la «forma» con la quale è stata ritirata la disponibilità della sede, sottolineando inoltre «una certa indifferenza dimostrata verso i progetti di legalità portati avanti tra mille difficoltà».

Adesso il comitato, molto attivo con le sue iniziative di volantinaggio, incontri nelle scuole, progetti di consumo critico, è ospitato in via provvisoria nei locali della parrocchia S. Pietro e Paolo di don Salvatore Resca. Ma è una soluzione temporanea. In attesa di potere utilizzare l'appartamento confiscato che gli è stato assegnato circa un anno fa, Addiopizzo Catania lancia un appello a segnalare la disponibilità di locali idonei ad ospitare le attività del comitato. «Attività che - ricordano i ragazzi di Addiopizzo - portiamo avanti con il solo scopo di rendere la nostra terra almeno un po' migliore di come l'abbiamo trovata».

 

Fonte: Orazio Vecchio - il sole 24 ore

Read 1788 times Last modified on Monday, 25 June 2012 06:36

Privacy �� Cookies �� Diventa un volontario
Copyright © 2020 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information