Il murales antimafia. “La memoria va esercitata”

Written by  Tuesday, 02 July 2013 13:22

Un muro contro la mafia. I volti di Giuseppe Fava, Beppe Montana, Libero Grassi, Giovanni Lizzio, Luigi Bodenza e Serafino Famà da oggi capeggiano sulle pareti del carcere di Piazza Lanza. Un’iniziativa voluta da Addio Pizzo e resa possibile dal contributo degli oltre dieci mila catanesi, che hanno finanziato il murale acquistando i biglietti della lotteria pasquale organizzata dall’associazione. “ Oggi inauguriamo un nuovo progetto. Il murale non serve soltanto a raffigurare i volti delle vittime della mafia, serve a recuperare la memoria storica soprattutto per i ragazzi delle scuole” spiega, a LiveSiciliaCatania, Salvo Fabio di Addio Pizzo. Del resto, la location della conferenza stampa di inaugurazione “non è casuale”: la scuola Media Q. Maiorana.

Un momento reso ancora più emozionante dalla presenza dei parenti degli uomini che hanno pagato con la vita il loro impegno quotidiano di lotta alla mafia: Elena Fava, Paola Bodenza, Dario Montana, Grazia Lizzio, Giuseppe Agosta e la moglie di Serafino Famà. Tutti ci tengono a precisare che le loro storie sono un patrimonio collettivo, anche perché la mafia si sconfigge se si rimane uniti. E un appello arriva da Salvatore Grosso, di Addio Pizzo, che ripercorrendo un recentissimo caso di minacce all’indirizzo del titolare di una fattoria della legalità, dice: “Non lasciamo solo Emanuele Feltri”. Un appello rivolto soprattutto alle nuove generazioni, come spiega Fabio: “la location del murale non è casuale: Vorremmo coinvolgere tutte le scolaresche catanesi, raccontare chi erano Beppe Montana e Pippo Fava”.

“Non è un murale fine a stesso, - continua Fabio- vogliamo andare oltre la commemorazione. Come diceva qualcuno: La memoria va esercitata, noi intendiamo esercitarla attraverso questa opera cooperando con le scuole e le istituzioni”. A tal proposito, a partire dal mese di Settembre, partiranno dei veri e propri “percorsi della legalità”, un modo per esercitare la memoria, del resto come sottolinea Elena Fava: “Catania è una città con la memoria corta”. Poi i teli che coprono i volti dei sette eroi cadono giù e scoppiano gli applausi. Giuseppe Fava, Beppe Montana, Libero Grassi, Giovanni Lizzio, Luigi Bodenza e Serafino Famà: non ci sono più scuse all’indifferenza.

 

Fonte: LiveSicilia

Read 6665 times

Privacy �� Cookies �� Diventa un volontario
Copyright © 2020 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information