Addiopizzo Catania

Tuesday, 16 December 2014 12:03

Sulla confisca di beni per 22 milioni di euro

Addiopizzo Catania esprime soddisfazione nell'apprendere che in data odierna i Carabinieri del ROS di Catania, guidati dalla Procura etnea, hanno confiscato un patrimonio dal valore di oltre 22 milioni di euro a Sandro Monaco, condannato in primo grado nell'ambito del processo Iblis.

Il Consiglio dei Ministri ha varato, in notturna, il testo del Decreto legislativo di attuazione della Legge delega 67/2014 che prevede, di fatto,la cancellazione, ma loro preferiscono chiamarla depenalizzazione, di alcuni reati definiti lievi. Tra questi, solo per citarne alcuni, la truffa, l’istigazione a delinquere, l’evasione,l’omicidio colposo, il furto, la malversazione ai danni dello Stato ecc.

Thursday, 27 November 2014 11:57

Sulla visita del Premier a Catania

Addiopizzo Catania apprende con interesse la probabile visita del Premier Matteo Renzi a Catania nella giornata di domani, Venerdì 28 Novembre. Siamo consapevoli che sarebbero molteplici le realtà catanesi che il Premier avrebbe il diritto ed il dovere di conoscere personalmente ma ci auguriamo che in questa o in una prossima visita istituzionale, il Premier possa dedicare un po' del proprio tempo alle realtà delle aziende confiscate alla mafia che a Catania sono moltissime e coinvolgono centinaia di lavoratori, spiegando per esempio la ragione per cui ad oggi non è ancora stato nominato il Consiglio Direttivo dell'Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati che di fatto blocca l'assegnazione di tali beni.

Monday, 24 November 2014 11:58

Sull'azienda confiscata "Avimec"

Dalle intercettazioni emerse nell'ambito della recentissima operazione Caronte del Ros dei Carabinieri di Catania guidati dalla DDA etnea, emergerebbe che probabilmente era in corso una trattativa tra l'amministratore giudiziario dell'Avimec, azienda confiscata agli Ercolano, ed Enzo Ercolano. Fortunatamente la trattativa è stata scoperta e fermata.
Addiopizzo Catania tuttavia ritiene doveroso ribadire quanto già più volte affermato.

Thursday, 20 November 2014 11:40

Sull'operazione Caronte

Addiopizzo Catania apprende con soddisfazione la notizia dell'arresto di oltre 23 soggetti indagati a vario titolo per associazione mafiosa e altri reati connessi, oltre che dell'avvenuto sequestro di un patrimonio dal valore di oltre 50 milioni di euro. Alla Direzione Distrettuale Antimafia etnea e al Ros dei Carabinieri di Catania va il nostro consueto riconoscimento per il lavoro svolto sul territorio.

Addiopizzo Catania prende atto che il Presidente della Regione Lombardia, nonché lo stesso "padre" dell'Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati, ha recentemente affermato che l'Agenzia deve essere messa in condizioni di funzionare.
Prendiamo tuttavia atto che quella che sembrerebbe una affermazione scontata, sembra essere al momento una lontana chimera.

Sunday, 02 November 2014 08:45

Sul festival dei beni confiscati

Addiopizzo Catania esprime stupore nell'apprendere che tra il 6 e il 9 novembre 2014 a Milano, nell'attesa di Expo 2015, si svolgerà il terzo "festival dei beni confiscati".
Ci si chiede infatti cosa ci sia esattamente da "festeggiare", in materia di beni confiscati.
Addiopizzo Catania crede fortemente nell'importanza di dibattiti, proiezioni, diffusione della cultura della legalità ma altrettanto fermamente ritiene che soprattutto in tema di beni confiscati debba finire il tempo di proclami e parole.

Presidente,
è notizia di questi giorni che l’onorevole Claudio Fava, rompendo un muro d’imbarazzante silenzio, ha presentato una interrogazione urgente al ministro Alfano a proposito dell’iscrizione da parte della Prefettura di Catania nella propria withe list della Sud trasporti, azienda dell'imprenditore incensurato Angelo Erc...olano, nipote del defunto boss Pippo Ercolano, che solo pochi mesi fa era stata colpita da un provvedimento di sequestro preventivo da parte della Procura di Catania.
Sappiamo perfettamente con quale attenzione la commissione da Lei presieduta ha seguito le vicissitudini degli operai della Riela group, vicenda che, possiamo affermare senza tema di smentita, può essere considerata come il paradossale paradigma del totale fallimento politico, gestionale ed organizzativo dell’organo che nel nostro paese dovrebbe presiedere all’amministrazione dell’immenso patrimonio sottratto alla mafia: l’Agenzia per i beni confiscati.
Ci chiediamo e Le chiediamo se è normale che mentre l’azienda Ercolano viene iscritta nella lista bianca della Prefettura di Catania 14 padri di famiglia della Riela Group restino al palo perché, tra l’altro, la presidenza del Consiglio dei Ministri non ha ancora trovato il tempo, e forse la voglia, di emanare il decreto di nomina del consiglio direttivo dell'Agenzia per i beni sequestrati paralizzando di fatto l’assegnazione e la gestione di beni il cui valore, secondo le stime fornite dal ministro Alfano, supera il miliardo di euro.
Le chiediamo, infine, se è a conoscenza della convenzione stipulata il 26 ottobre 2011 tra il Ministero dell’Interno, nella persona dell’allora Ministro Maroni, e la Conftrasporto\Confcommercio e quindi la F.A.I. di cui è vicepresidente regionale Angelo Ercolano, se tale convenzione è ancora in vigore e quali risultati concreti ha prodotto a livello locale e regionale.
Attendiamo fiduciosi una sua risposta.

Monday, 22 September 2014 10:35

Sul duro colpo al clan Laudani

Ci congratuliamo con i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania e con la Procura per l’operazione odierna che ha condotto all’arresto di 8 esponenti del Clan Laudani legati alla famiglia mafiosa di Randazzo, a dimostrazione che l’impegno delle Forze dell’ordine e della Procura etnea si estende anche ai paesi della provincia evitando che ci siano delle zone franche in mano alla criminalità organizzata.

Wednesday, 17 September 2014 14:30

Salvatore taglia il pizzo

CATANIA – Sono già numerosi i siciliani illustri ad aver sposato l’iniziativa, decidendo di “tagliare il pizzo” scaricando e condividendo Piacere Salvatore. Salvo La Rosa, Giuseppe Castiglia, Lello Analfino dei Tinturia, Matteo Amantia, Antonio Perdichizzi di Confindustria, il sindaco Enzo Bianco, l’assessore alla Cultura, Orazio Licandro e l’amministrazione comunale tutta. Così come sono tante le radio, le associazioni e i singoli cittadini che contribuiranno a fare di Piacere Salvatore il tormentone antimafia a sostegno di Addiopizzo. E tanti altri se ne aggiungeranno.


Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information