La rivoluzione dei commercianti: il coraggio e il reciproco aiuto

Scritto da  Lunedì, 31 Gennaio 2011 00:00

Parlando del nostro progetto del Consumo Critico parliamo spesso dei consumatori, del loro impegno, del nostro, e poi ricordiamo a tutti della famosa lista dei commercianti, di quei 50 esercenti (ora un po' di più) che sono il motore della nostra iniziativa.Dietro ad ogni volto c'è una storia, una storia di coraggio, un coraggio di gente normale, che con la forza delle loro scelte hanno dimostrato a tutti che ribellarsi è possibile.

 

Quando conobbi i primi commercianti, restai stupito dalla loro voglia di cambiare, dalla forza delle loro parole, dalla grinta con la quale guardavano la gente e raccontavano la loro storia, con quel "fresco profumo di libertà" che ora si sono conquistati davvero.Ricordo la rabbia nel racconto delle minacce alla famiglia, ai bambini, minacce che creano terrore, che fanno capire che in pericolo c'è tutto ciò a cui tieni, ma che hanno creato in queste persone uno scatto di orgoglio, che li ha portati a riflettere e a dire " se io pago tolgo soldi ai miei figli, perdo credibilità e la mia dignità", e quindi proprio per liberare la loro famiglia, proprio per far sì che il futuro dei loro figli fosse migliore, hanno scelto di dire no, di dire che loro il pizzo non lo pagheranno più. Si sono affidati alle Istituzioni, ci hanno creduto, e dalle istituzioni sono stati ricompensati, i loro aguzzini sono stati arrestati ed ora possono camminare a testa alta, liberi, senza paura, perché tutti quei codardi che andavano a chiedere loro il pizzo con atteggiamenti da sbruffoni ora sono dietro le sbarre. E se chiedi loro se hanno paura del fatto che magari un giorno se li potrebbero ritrovare davanti, ti rispondono tranquillamente di no, che non torneranno, perché ora sono gli estorsori ad avere paura, perché troveranno di nuovo chi li denuncia e torneranno dietro le sbarre.Durante le ultime riunioni dei commercianti, che periodicamente facciamo, sono rimasto colpito ancora di più dal loro atteggiamento, si aiutano tra loro, si danno consigli e spingono altri ad aderire alla nostra lista. Molte delle ultime richieste di adesione sono nate dal passaparola, commercianti che invitano altri a partecipare, a ribellarsi, e li vedi darsi coraggio, ridere, ed appoggiare e proporre iniziative. Mi hanno dato tanta gioia i loro volti, tanta forza e la consapevolezza che ciò che stiamo facendo è forse più grande di quanto pensavamo, che questa gente ha davvero grazie a noi smesso di nascondersi, di credere che niente può cambiare ed ha cominciato a capire che un cambiamento deve partire da tutti, dalla società civile, che la ribellione, se fatta con forza, è inarrestabile.Li ho visti capire finalmente una volta per tutte che non è normale, non è giusto che una persona debba lavorare 8-10 ore al giorno per poi mantenere con i suoi soldi della gente ignorante e senza futuro, togliendo magari alla loro famiglia pezzi di futuro.Ho visto nei nostri commercianti rabbia, coraggio, forza, speranza, tutto ciò che spero di vedere col tempo in ogni cittadino italiano ed in ogni esercente, perché qualcosa è cambiato, qualcosa cambia ogni giorno, perché la rivoluzione dei commercianti e dei liberi professionisti è cominciata! Noi, cittadini onesti e commercianti liberi, siamo molti più di loro. Davide Siracusa

 

Letto 2574 volte

Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. Tutti i diritti riservati.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information