Il riscatto deve partire dai giovani

Scritto da  Venerdì, 15 Febbraio 2013 00:00

L'appuntamento ieri mattina al liceo delle Scienze umane e Linguistiche "De Sanctis", per parlare di legalità. Gli studenti dell'Istituto superiore hanno incontrato l'associazione "Addiopizzo", rappresentata da Chiara Barone, e con loro Alessandro Sorrentino, magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania, e un imprenditore catanese, che preferisce l'anonimato, vittima del racket delle estorsioni.

 

"La legalità è un processo che si conquista un passo alla volta - evidenzia la volontaria di Addiopizzo - Il cambiamento è possibile e si ottiene già con piccoli gesti quotidiani. Noi giovani possiamo, attraverso il volontariato, esprimere il nostro impegno".
Un lavoro, quello dell'associazione "Addiopizzo", a 360°. Un impegno civile, con il rifiuto di ogni forma di illegalità e di mafia, ma anche con l'impegno sociale, con gli interventi nei quartieri. "Come il doposcuola che ad esempio svolgiamo nel quartiere catanese di Picanello - continua ancora Chiara - Ai giovani ci rivolgiamo per cambiare il nostro futuro". E poi l'intervento del magistrato che ha risposto alle tante domande degli studenti. Anche qui si è parlato di legalità, di rispetto delle regole, già dal semplice uso del casco mentre si è a bordo di uno scooter. E poi l'importante intervento di un imprenditore catanese che circa 20 anni fa ha visto la sua azienda andare in fumo, dopo aver detto no al racket delle estorsioni. "Ho denunciato i miei aguzzini - racconta l'imprenditore - e con il sostegno delle forze dell'ordine, dello Stato, sono riuscito poco alla volta a rimettermi in piedi, ricostruendo la mia azienda. Agli imprenditori che si ritrovassero oggi nelle condizioni in cui mi sono trovato io dico di non arrendersi, oggi il sostegno è maggiore, oggi c'è una maggior collaborazione. Non bisogna mollare".
La mafia si può sconfiggere, ne sono convinti anche gli studenti che per voce dei rappresentanti, Pasquale Longhitano e Francesco Mascali evidenziano come i primi devono essere i giovani, cominciando dal rifiuto degli stupefacenti.

 

Fonte: La Sicilia

Letto 5002 volte Ultima modifica il Sabato, 16 Febbraio 2013 10:24

Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. Tutti i diritti riservati.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information