Rassegna Stampa (150)

Sulla via della legalità

Scritto da Martedì, 07 Dicembre 2010 00:00

Un'immersione profonda e costruttiva nel vasto e complesso mondo della legalità si è registrata lunedì 6 dicembre all'Auditorium comunale di Mascalucia, grazie all'esperienza diretta dei rappresentanti di alcune tra le più attive Associazioni antiracket presenti a Catania e in Sicilia.

Letto 3844 volte

L'associazione Addiopizzo Catania rilancia l'appello per la ristrutturazione dell'appartamento di Picanello confiscato e assegnatole come sede. La confisca(apparteneva ad un esponente del clan Laudani) è del 2008, ma Addiopizzo non ha le somme per far ristrutturare l'appartamento (il preventivo è 10-15 mila).

Letto 1261 volte

Arrestato Antonio Iovine, boss dei Casalesi

Scritto da Mercoledì, 17 Novembre 2010 00:00

Con il superlatitante Michele Zagaria, Antonio Iovine, arrestato oggi dalla polizia, e' considerato il capo storico del clan dei Casalesi. Quarantasei anni, nativo di San Cipriano d'Aversa (Caserta), Iovine, soprannominato o'Ninno, era nell'elenco dei trenta latitanti piu' pericolosi d'Italia.

Letto 1587 volte

L'associazione Addiopizzo Catania ha letto con attenzione e senso di partecipazione (visto l'argomento) l'editoriale di Tony Zermo del 4 novembre in merito alla recente, importantissima, operazione "Iblis" che ha portato al risultato, a tutti noto, del c.d. "scoperchiamento del verminaio". E su ciò che, come da Zermo sottolineato, questa operazione ha dimostrato ( "(...) Cosa Nostra catanese è diventata imprenditrice essa stessa facendo da collante tra mondo delle imprese e mondo politico; (...) fin quando ci saranno le mani della mafia a condizionare parte della città nessuno sviluppo è possibile." ) nulla quaestio: ci trova perfettamente d'accordo con la Sua osservazione, anche se, ad onor del vero, occorre rilevare che non si tratta certo di una... novità nè occorre scomodare il pentito Calderone e le sue dichiarazioni sugli intrecci politico - mafiosi - imprenditoriali della nostra città.

Letto 1674 volte

CATANIA - Un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 47 indagati, tra esponenti di spicco di Cosa nostra e amministratori, è stata eseguita la notte scorsa da carabinieri del Ros tra Sicilia, Lazio, Toscana, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Militari dell'Arma hanno anche sequestrato beni per circa 400 milioni di euro. Il provvedimento, emesso dal Gip Luigi Lombardo su richiesta della Dda della Procura di Catania, riguardano esponenti di spicco di Cosa nostra, pubblici amministratori ed imprenditori del capoluogo etneo. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, omicidio, estorsioni e rapine.

Letto 1391 volte

Nuovi referenti 'pizzo', 4 fermati a palermo

Scritto da Mercoledì, 27 Ottobre 2010 00:00

Quattro persone accusate di essere inserite ai vertici dei clan mafiosi palermitani sono state fermate dai carabinieri del Comando provinciale e dalla Dia. Si tratta di personaggi affiliati ai 'mandamenti' di Resuttana, Tommaso Natale e Partanna Mondello, accusati a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata alle estorsioni. I provvedimenti di fermo sono stati emessi d'urgenza dalla Dda per il pericolo di fuga degli indagati, di cui hanno parlato recenti collaboratori di giustizia.

Letto 1649 volte

Il Gico della Guardia di Finanza di Messina, coordinato dal sostituto procuratore della Dda Giuseppe Verzera, ha sequestrato beni per quasi 600 mila euro al boss del clan Mangialupi di Messina Giuseppe Trischitta, 51 anni. Si tratta di una villa residenziale con accesso al mare in localita' Torre Faro del valore commerciale stimato in 450 mila euro, di un fuoristrada Suv modello Wolksvagen Touareg e di due Smart per un valore complessivo di oltre 100 mila.

Letto 1594 volte

AGRIGENTO - I carabinieri hanno catturato in una palazzina di Favara (Agrigento), Gerlandino Messina, 38 anni, originario di Porto Empedocle, ritenuto il nuovo capo provinciale della mafia di Agrigento. Il boss è stato catturato dai carabinieri del Ros e dalle teste di cuoio del Gis di Livorno. Si nascondeva in un edificio di via Stati Uniti, alla periferia nord del paese.

Letto 3651 volte

Fate come noi che non paghiamo

Scritto da Giovedì, 01 Luglio 2010 00:00

Sono cinquanta e "pesano" come cinquecento. Sono i commercianti, gli esercenti e gli imprenditori "pizzo free", cioè che non pagano il pizzo e lo dichiarano pubblicamente, forti del supporto di oltre 4.000 cittadini catanesi che si sono impegnati moralmente a preferirli nelle proprie scelte di acquisto.

Letto 1425 volte

Pizzo: 50 aziende hanno detto no

Scritto da Giovedì, 01 Luglio 2010 00:00

Cinquanta commercianti, a Catania e provincia, dicono no al pizzo. Un fatto che non era mai accaduto nel capoluogo etneo.

Letto 1514 volte

Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. Tutti i diritti riservati.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information