Rassegna Stampa (150)

Ho denunciato, lo rifarei

Scritto da Martedì, 29 Settembre 2009 00:00

Grazia Sinatra è tra quelle che ha denunciato.Senza ripensamenti. Titolare,con il fratello, di un'azienda agricola con delle serre per produrre pomodorini ha fatto arrestare i suoi estortori e il processo in primo grado sta per concludersi.«Avevamo ottenuto una prima parte di finanziamento Por per avviare l'azienda in contrada Agnelleria a Belpasso- racconta - e lì abbiamo avuto le prime difficoltà. Si sono presentate delle persone che conoscevamo per avvertirci di "stare attenti", ma noi, in un primo momento, non abbiamo capito che si poteva trattare di un tentativo di estorsione».

Letto 1456 volte

Grazie a 120 amici ho detto no al racket

Scritto da Giovedì, 17 Settembre 2009 00:00

Un attentato incendiario gli ha distrutto un escavatore, impedendogli di lavorare per un mese e mezzo, e i colleghi imprenditori glielo hanno ricomprato. Non è solo Rosario Barchitta, presidente dell'associazione antiestorsioni "Nicola D'Antrassi" di Scordia, non lo è mai stato. Quando nel 1997 nacque l'associazione antiracket in quel piccolo centro del Catanese che vive di agrumi, tra Lentini e Palagonia, Barchitta fu tra i fondatori e il primo presidente. Non poteva essere diversamente visto che vent'anni fa, quando il fondo di solidarietà per le vittime di racket e usura era solo un sogno, decise di denunciare i boss Di Salvo che spadroneggiavano su Scordia e gli avevano bruciato una pala scaricatrice.

Letto 1518 volte

Dire sempre no al pizzo

Scritto da Domenica, 26 Luglio 2009 00:00

Quanto incide il «pizzo» sull'economia reale delle imprese siciliane? Cosa fare per contrastare estorsioni e usura? Due quesiti che sono stati al centro del convegno su «Lotta al racket e all'usura: realtà e prospettive» che si è svolto nel municipio, organizzato dall'assessorato al Mare del Comune di Riposto, dal Comitato Addiopizzo, dall'associazione antiracket e antiusura Ugo Alfino, dalla Confcommercio e dalla sezione ripostese della Lega Navale italiana.

Letto 1649 volte

Condanne per quasi quattro secoli di carcere sono state inflitte, col rito abbreviato, dal Gup di Palermo Vittorio Anania, nel processo "Addiopizzo", uno stralcio di un'imponente indagine della Squadra Mobile di Palermo sul fenomeno del pizzo gestito dal clan capeggiato dai boss di Tommaso Natale Salvatore e Sandro Lo Piccolo.

Letto 1546 volte

Non soltanto arresti. Per combattere la mafia vanno bene le maxi operazioni che periodicamente le forze dell'ordine fanno scattare, ma non si può prescindere da un attacco determinato ai forzieri delle cosche. I sequestri di beni, poi seguiti da confisca, sono strumenti essenziali nella lotta alla criminalità organizzata, tanto più che ad avvalersi di tutto ciò sono proprio i cittadini.

Letto 4371 volte

Volontariato nei quartieri a rischio

Scritto da Venerdì, 26 Giugno 2009 00:00

In occasione del suo terzo compleanno Addiopizzo Catania ha deciso di organizzare un incontro di formazione sul "Volontariato nei quartieri a rischio: l'alternativa possibile" che si svolgerà domani sabato alle ore 17 nella sede del centro Talità Kum in viale Moncada 2.

Letto 2165 volte

Inghippo burocratico blocca sede Addiopizzo

Scritto da Giovedì, 25 Giugno 2009 00:00

Dovranno aspettare ancora un altro giorno i ragazzi di Addiopizzo e Libera per la consegna dell'immobile confiscato alla mafia.Ieri,l'incontro programmato in Prefettura è risultato interlocutorio.

Letto 1471 volte

Verrà firmato,mercoledì prossimo,presso la Prefettura,il verbale di consegna provvisorio dell'appartamento di Picanello tra Comune, Addiopizzo e Libera. Un data importante,questa,per le due associazioni antiracket che,in attesa della formalizzazione del decreto di destinazione,potranno iniziare i lavori di ristrutturazione della casa confiscata alla mafia.

Letto 4344 volte

Sos di Addiopizzo

Scritto da Giovedì, 04 Giugno 2009 00:00

Torna a protestare Addiopizzo per la mancata assegnazione dell'immobile destinato dal Comune quale sede dell'associazione. <<A Catania accade che un immobile confiscato alla mafia da un anno attende di essere consegnato ad Addiopizzo Catania e a Libera. >>,si legge infatti in una lettera aperta inviata dal vicepresidente di Addiopizzo Catania, Chiara Barone, al sindaco Raffaele Stancanelli.

Letto 1484 volte

"Uno, due, tre, quattro, cinque, dieci, cento passi". Così, sulle note dei Modena city ramblers, i ragazzi della scuola media "Cavour" hanno dato inizio ieri sera a Catania alla commemorazione della strage di Capaci, organizzata dal circolo Città Insieme, dall' Asaae (Associazione Antiracket Antiusura Etnea), da Addio Pizzo e da Libera.

Letto 3947 volte

Privacy    Cookies    Diventa un volontario
Copyright © 2019 Addiopizzo Catania. Tutti i diritti riservati.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information