Addiopizzo: i ragazzi, la legalità e la mafia

Written by  Thursday, 03 December 2009 00:00

I giovani di Addiopizzo Catania da tre anni vanno nelle scuole per promuovere i valori della legalità e la memoria storica di chi ha dato la vita per difenderli. In occasione di questi incontri hanno distribuito, in 16 scuole di città e provincia, un questionario su alcuni temi «caldi» e i risultati sono stati «poco incoraggianti», come commenta con un eufemismo la presidente Chiara Barone.

I 1094 ragazzi che hanno risposto al questionario, 17 anni in media, più femmine (63,5%) che maschi (36,5%) - e sarebbe interessante capire come cambierebbero le risposte se i due generi fossero rappresentati alla stessa maniera - sostengono di rifuggire dalla raccomandazione nella loro esperienza scolastica (il 93%), ma di essere pronti a chiederla per trovare un lavoro (53,5%), e questo sebbene il 49% di loro reputa lo scambio di favori un atteggiamento «mafioso». Come dire che valutano l'esistente e vi si adeguano. Sanno bene che cos'è la mafia («un'organizzazione illegale di persone che vive sfruttando i cittadini onesti», 88,5%) e cos'è il pizzo («una forma di controllo del territorio da parte di organizzazioni criminali, 88,5%), e pensano che il tasso di criminalità nella propria città sia alto (52%) o medio (43%), ma, allo stesso tempo, sono convinti che la mafia ha più potere (63,5%) dello Stato (13,5%) e del popolo (18,5%).
E questo ha conseguenze notevoli. Ammettono che, se fossero testimoni di una rapina o di un furto, non denuncerebbero per paura di ritorsioni (20,5%) o farebbero finta di nulla (13,5%) e sostengono che un imprenditore che denuncia il racket è lasciato solo (45%). Eppure dicono che, in caso di furto del motorino, denuncerebbero l'accaduto alle forze dell'ordine (71,5%) e sono convinti che la squalifica del campo dopo l'uccisione di Raciti era necessaria (62,5%). Risultati che fanno capire quanto sia importante l'azione di Addiopizzo, tanto più che buona parte degli intervistati non conosce Pio La Torre e Libero Grassi al punto che qualcuno li scambia addirittura per pregiudicati, così come Andrea Vecchio.

Fonte: la Sicilia

Read 5480 times

Privacy �� Cookies �� Diventa un volontario
Copyright © 2021 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania
Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information