Giovedì, 03 Dicembre 2009 01:00

Risultati di questionari sulla percezione del fenomeno mafioso somministrati a più di 1000 studenti

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mercoledì 2 Dicembre la nostra associazione ha presentato ,durante una conferenza stampa ,i risultati dei questionari che abbiamo personalmente somministrato a più di 1000 studenti di 16 scuole superiori di Catania e provincia, in occasione di incontri finalizzati alla diffusione della cultura della legalità. Vogliamo condividere con voi la relazione elaborata dal professore Elio Camilleri,che ringraziamo di vero cuore.

 

Risultati del questionario: Scuole:16 Età media:17 anni Totale partecipanti:1094 Maschi:36,5% Femmine:63,5% 1. Ti impegneresti a costruire una "Scuola di legalità" attraverso la partecipazione attiva della comunità scolastica? - Si: 81% - No: 16% - Non sa: 3% 2. Hai mai assistito ad episodi di bullismo nella tua scuola? - Si: 54% - No: 45% - Non risponde: 1% 3. Hai mai chiesto "Raccomandazioni" per superare esami? - Si: 6% - No: 93% - Non risponde: 1% 4. Le chiederesti per trovare un posto di lavoro? - Si: 53,5% - No: 44,5% - Non sa: 2% 5. Chiedere la raccomandazione o concederla, sulla base di scambi di favore, è un atteggiamento: - Mafioso: 49% - Amicizia: 32% - Solidarietà verso i meno fortunati: 15% - Non sa: 4% 6. Ti rubano il motorino e ti vengono chiesti dei soldi per riaverlo, cosa fai? - Denunci l'accaduto alle forze dell'ordine: 71,5% - Paghi e ti riprendi il motorino: 24,5% - Non sa: 4% 7. Chi è Andrea Vecchio? - Un politico: 10,5% - Un pregiudicato: 17,5% - Un imprenditore: 51% - Non sa: 21% - Risposte corrette: 51% - Risposte non corrette: 49% 8. Come giudichi il tasso di criminalità della tua città? - Basso: 4% - Medio: 43% - Alto: 52% - Non sa: 1% 9. Cos'è la Mafia? - Uno stile di vita: 5,5% - Un fenomeno umano: 4% - Una organizzazione illegale di persone che vive sfruttando i cittadini onesti: 88,5% - Non sa: 2% 10. Cos'è il Pizzo o Racket? - Una forma di protezione da atti vandalici: 6% - Una forma di controllo del territorio da parte di organizzazioni criminali: 88,5% - Non lo so: 5,5% 11. Chi è Pio La Torre? - Un imprenditore: 12% - Un pregiudicato: 26% - Un politico: 38% - Non sa: 24% - Risposte corrette: 38% - Risposte non corrette: 62% 12. Se avessi la possibilità di aprire un'attività commerciale lo faresti nella tua città - Si: 44% - No: 19% - Si, ma non mi sentirei sicuro: 33,5% - Non risponde: 3,5% 13. Un imprenditore che denuncia il racket è: - Protetto dallo stato: 39,5% - Lasciato solo: 45% - Un incosciente: 9,5% - Non risponde: 6% 14. Chi è Libero Grassi? - Un politico: 18,5% - Un imprenditore: 36% - Un pregiudicato: 15% - Non sa: 30,5% - Risposte corrette: 36% - Risposte non corrette: 64% 15. Conosci il Comitato Addio Pizzo Catania? - Si: 27,5% - No: 72,5% 16. Se è si, lo sosterresti? - Si: 47% - No: 12% - Non sa/non risponde: 41% (tra coloro che hanno risposto; si: 80%, no: 20% ) 17. Sei testimone di una rapina o di un furto e sei in possesso di elementi utili per l'individuazione del responsabile, cosa fai? - Denunci alle forze dell'ordine l'accaduto: 63% - Fai finta di nulla: 13,5% - Non denunci per timore di possibili ritorsioni ma ti senti in colpa per non averlo fatto: 20,5% - Non risponde: 3% 18. Secondo te ha più potere: - La mafia: 63,5% - Lo stato: 13,5% - Il popolo: 18,5% - Non sa: 4,5% 19. Dopo l'uccisione dell'ispettore Raciti, la squalifica del campo di calcio è stata: - Necessaria: 62,5% - Eccessiva: 19,5% - Ingiusta: 15,5% - Non sa: 2,5% 20. In quali di queste espressioni ti riconosci? - Il fine giustifica i mezzi: 26% - L'importante non è vincere ma partecipare: 46,5% - La migliore parola è quella che non si dice: 22,5% Relazione del prof. Camilleri Informazioni sulla somministrazione Il questionario è stato distribuito in 16 scuole medie superiori di Catania e provincia (Acireale,Belpasso,S.G.La Punta,Adrano)dall'Associazione stessa prima dell'inizio di ogni incontro, a più di mille studenti degli ultimi due anni,un terzo circa maschi e due terzi circa femmine di età media di 17 anni. Le intenzioni Se il contesto, in questo caso la scuola, fosse orientato o strutturato su moduli di legalità sarebbe facile e naturale collaborare allo sviluppo della legalità: la stragrande maggioranza dei ragazzi sarebbe disposta a collaborare alla crescita della legalità.Le intenzioni perdono qualità quando si tratta di andare a trovare lavoro, allora più del 50% dei ragazzi sarebbe pronto a chiedere la raccomandazione (domanda 4) pur sapendo che, come scambio di favori, essa è considerata come atteggiamento mafioso da quasi la metà di loro (dom. 5). Nel caso in cui si è danneggiati (furto del motorino in dom. 6) più dei due terzi dei ragazzi sarebbe pronto a denunciare il furto, anziché cedere al ricatto delinquenziale.Questo è un dato molto interessante che, potenzialmente, ribalterebbe la situazione reale in cui tuttora la maggioranza preferisce il ricatto allo denuncia.Naturalmente si tratta di potenziarlo, di verificarlo, di renderlo sempre più reale e sicuro.I due terzi dei ragazzi sarebbero disposti a testimoniare (dom. 17) per l'individuazione del colpevole di una rapina o altro delitto. Anche questo è un dato interessante che va potenziato per sconfiggere definitivamente l'omertà. L'insicurezza impedisce lo svolgimento di una attività commerciale (dom. 12) anche se appena meno della metà accetterebbe d'intraprenderla. Da tenere conto che il commerciante "taglieggiato dal pizzo" sarebbe visto non protetto adeguatamente dallo Stato dal 45% dei ragazzi.Fondamentale allora risulta il proposito di rovesciare questa intenzione modesta e tale convinzione non sempre corretta con una adeguata informazione sui mezzi e glistrumenti legislativi ed amministrativi messi a disposizione dagli organi centrali e periferici dello Stato.Alla dom. 16 si dichiara, in buona percentuale, l'intenzione a collaborare con Addiopizzo. Tenuto conto del tasso di "notorietà" dell'associazione, questo dato aiuta molto. Le conoscenze A proposito del fenomeno del bullismo la metà dei ragazzi ne ha preso contezza, ciò si può spiegare in vari modi (distrazione, superficialità, errata valutazione del fenomeno, indifferenza) E' necessario indurre i ragazzi ad osservare con attenzione,a tenere gli occhi bene aperti, a sentire bene ciò che si dice intorno.Se solo il 51% sa chi è Andrea Vecchio, (dom 7) bisogna davvero mettersi le mani nei capelli. La scuola deve farsi carico di promuovere la conoscenza di fatti, persone che servono per capire la realtà in cui viviamo. Stesso discorso riguardo agli esitidella dom. 11 in cui solo poco più di un terzo ha sentito parlare di Pio La Torre e di Libero Grassi (dom. 14)Comunque il dato sulla conoscenza della situazione della città nel suo complesso è più confortante in quanto (dom. 8 ) la stragrande maggioranza considera la gravità della situazione come medio alta.Fondamentalmente corretta la definizione di mafia alla dom. 9: la stragrande maggioranza respinge notazioni di carattere sociologico o psicologico e la definisce,invece, come associazione criminale.In verità nella domanda non si fa riferimento alle connessioni tra delinquenza organizzata e politica dalla cui sintesi nasce la mafia.Anche alla dom. 10 su cosa è il pizzo la stragrande maggioranza dei ragazzi mostra una corretta conoscenza. Ciò significa che ne ha sentito parlare, magari non solo a scuola e che se ne percepisce la presenza: se si sa cosa è, allora si sa che c'è.Addiopizzo si deve dare una mossa del 24^ grado della scala Mercalli (che arriva a10) per promuoversi, per promuoversi, per promuoversi: gli esiti della dom 15. sono sconfortanti. Il vissuto La stragrande maggioranza dei giovani non è passato attraverso forme di soggezionesociale e, forse, di ciò ne porta anche vanto. Non avere chiesto raccomandazioni è vissuto come cosa buona. Le valutazioni La mafia molto più forte dello Stato nelle risposte della buona maggioranza dei ragazzi alla dom 18 è un dato preoccupante perché si avverte una sorta d'invincibilità della mafia. In realtà non è proprio così in quanto giorno dopo giorno, la mafia evidenzia tutte le sue debolezze. Bisogna fare capire che che per darle il colpo di grazia è necessaria la collaborazione e la partecipazione di tutti.Buona la risposta alla dom. 19 , come pure la scelta alla risp. C della dom. 20. La squalifica del campo,in seguito alla tragica morte dell'isp. Raciti è ritenuta come necessaria,mentre poco più del 20% dei ragazzi ha considerato positivo il comportamento omertoso di cui all'ultima domanda.

 

Letto 6210 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.