Maxi sequestro a prestanome del boss

Written by  Friday, 07 November 2008 00:00

PALERMO - I carabinieri del Gruppo di Monreale hanno sequestrato beni per un valore complessivo di 100 milioni di euro. Si tratta di immobili e appezzamenti di terreni riconducibili all'imprenditore Salvatore Buttitta, morto nell'agosto scorso e ritenuto un prestanome del boss Bernardo Provenzano.

A Cosa nostra avrebbe "prestato" le sue cave per incontri di mafia: luoghi insospettabili dove si sarebbero riuniti anche latitanti di spicco. Buttitta, godeva della totale fiducia dei vertici dei clan. Processato per associazione mafiosa, assolto e scarcerato nel 2004, ha continuato indisturbato a fare affari con le famiglie in particolare di Bagheria, feudo del boss Bernardo Provenzano, e di Caccamo, grazie ai suoi rapporti con i fratelli Rinella, a capo del mandamento.Nel mercato delle forniture edili aveva raggiunto una posizione leader che gli ha consentito di accumulare un patrimonio milionario. L'ultima tranche, sequestrata oggi, era intestata a lui, alla moglie Giuseppa Avorio e ai quattro figli. Sotto sequestro sono finiti 24 terreni, adibiti a pascolo e coltivazioni, e 33 unità immobiliari.Il provvedimento è dei giudici del tribunale di Palermo, sezione misure di prevenzione, su richiesta dei pm della Direzione distrettuale antimafia. I carabinieri hanno eseguito un provvedimento di sequestro di beni applicando una nuova norma del pacchetto sicurezza in cui è previsto che le misure di prevenzione patrimoniale possano essere applicate anche in caso di morte del soggetto proposto.E' una delle prime volte che si applica.

 

Fonte: lasiciliaweb.it

Read 1887 times

Privacy �� Cookies �� Diventa un volontario
Copyright © 2021 Addiopizzo Catania. All Rights Reserved.Creazione sito web tinusdesign.com Catania

Via Grasso Finocchiaro n. 112 | Catania - 95126 | Tel: 329 9203410 | Fax: 178 6056739 | e-mail: comitato@addiopizzocatania.org

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information