Venerdì, 28 Maggio 2010 02:00

Addiopizzo scuote Catania

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

È stata una mattina insolita per molti passanti Catanesi circondati da manifesti e striscioni dai toni forti: "Catania svegliati e non pagare!", "Catanese se hai le palle, al mafioso volta le spalle", "Basta dire che non cambia mai nulla, quello che leggi è cambiamento".

Messaggi affidati a ponti e rampe autostradali ma anche cestini della spazzatura, pali della luce, fermate dell'autobus, soprattutto nella zona di Via Etnea e di Viale Mediterraneo.

Autore del gesto il Comitato Addiopizzo Catania, che ha così deciso di portare nuovamente all'attenzione della città il fenomeno "pizzo", piaga sociale ancora affrontata dalla gente con indifferenza, fatalismo e rassegnazione.

L'"attacchinaggio" è uno dei modi di comunicazione tipico di Addiopizzo. A differenza di altre volte in cui i messaggi solo dopo poche ore erano stai rimossi, manifesti e striscioni sono quasi tutti al loro posto, a 48 ore dall'affissione. Un segnale forte che parlare apertamente e platealmente di pizzo e mafia non è più proibito.

Addiopizzo Catania si prepara inoltre ad un passo storico, la presentazione della propria lista di Commercianti che non pagano il pizzo, prevista per la metà di giugno. Sarà il punto di arrivo dopo quattro anni di lavoro sul campo, ed il punto di partenza per una diffusione sempre più ampia della cultura della legalità.



Fonte: blogsicilia.it

Letto 2167 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.