Sabato, 22 Marzo 2014 14:02

In 5000 al corteo in ricordo delle vittime delle mafie

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un lungo corteo si è mosso dal Giardino Bellini per raggiungere Palazzo Platamone. Nel Cortile, la lettura dei nomi delle vittime per voce dei ragazzi delle scuole ma anche dei familiari di Fava, Montana, Agosta e delle Autorità intervenute insieme al sindaco Bianco.

CATANIA - Cinquemila cittadini, secondo stime di "Libera", in corteo dal Giardino Bellini al Cortile Platamone per dire “No alla mafia”. E' successo nella prima “Giornata cittadina della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, istituita dal Comune di Catania (prima città in Sicilia) per volontà del sindaco Enzo Bianco, grazie all'impegno di “Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, che dal 1996 organizza la Giornata a livello nazionale. Nel cortile Platamone si sono susseguiti vari momenti di riflessione, con le testimonianze di Libera e Addio Pizzo, e la lettura dei nomi delle vittime delle mafie per voce dei ragazzi delle scuole, presenti in grandissimo numero.

La lettura è stata completata dai familiari di Giuseppe Fava, Beppe Montana, Alfredo Agosta, indimenticate vittime della mafia, e dalle autorità presenti: il sindaco Enzo Bianco e il vicesindaco Marco Consoli, la presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti, il prefetto Maria Guia Federico, il questore Salvatore Longo, il comandante provinciale dei Carabinieri Alessandro Casarsa, gli assessori ai Saperi e alla Bellezza Condivisa Orazio Licandro, alla Legalità Rosario D'Agata, le consigliere comunali Ersilia Saverino e Elisabetta Vanin. “Catania – ha detto il sindaco Bianco - è la prima città in Sicilia a onorare le vittime innocenti della mafia. Alcune di queste persone erano anche miei amici personali. Il mio e il nostro impegno per ricordarli tutti andrà avanti con iniziative più forti e che sappiamo possono davvero contrastare Cosa nostra, come l'aggressione dei patrimoni dei mafiosi da destinare all'uso della collettività”. “Il Consiglio comunale – ha sottolineato la presidente Raciti – rafforzerà la propria testimonianza con la seduta del 27 marzo prossimo, durante la quale saranno letti i nomi di tutte le vittime delle mafie”. “All'assemblea cittadina - ha annunciato Renato Camarda di Libera – saranno presenti i familiari delle vittime, compresi quelli che oggi erano a Latina per partecipare alla Giornata nazionale”.

 

Fonte: LiveSicilia

Letto 4668 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.