Sabato, 18 Febbraio 2017 14:52

Sull'operazione "Nebrodi"

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Anche stavolta il nostro plauso va alla Procura di Catania che, con il supporto investigativo del Reparto Operativo Speciale dei Carabinieri e della Compagnia dell'Arma di Santo Stefano di Camastra, ha eseguito una brillante operazione che ha portato all'arresto di 9 persone (tra cui i presunti boss Salvatore Catania e Giovanni Pruiti) che agivano con violenza nel territorio dei Nebrodi.

Terreni agricoli, appalti, minacce agli imprenditori, violenze anche a danno di animali sono le parole chiave di questa indagine che, tuttavia, non può colpire solo per gli aspetti più macabri. Non si può non porre l'accento, infatti, su quella "cappa di omertà e reticenze" contro cui si sono dovute scontrare i magistrati e gli investigatori. Procura e forze dell'ordine non possono lottare contro due mostri: la mafia, e l'omertà. Per agire tempestivamente e risolutivamente occorre la collaborazione delle vittime e della società civile. Non ci sono più scuse che tengano, nemmeno nei territori più distanti dal centro, e nemmeno quando si parla di mafia agricola.

Letto 2506 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.